Home » Tecnologia » CAD, Grafica e Design » Vale la pena passare ad una workstation?

Vale la pena passare ad una workstation?

Tech Page One

Vale la pena di passare a una workstation-747 x 325

 

L’hardware all’avanguardia incrementa la produttività e garantisce un ottimo ritorno sull’investimento

La tua azienda può contare su tecnici e progettisti validi con idee straordinarie. Sfruttando il potenziale della tecnologia moderna puoi aiutarli a realizzare i loro progetti.

La produttività dei professionisti creativi dipende però dalle potenzialità dei sistemi hardware e software che utilizzano quotidianamente. Ci sono ancora troppe aziende che limitano le capacità dei loro designer confidando in tecnologie obsolete e dalle scarse prestazioni.

Se un’azienda utilizza applicazioni professionali su normali PC, i suoi progettisti non dispongono dei migliori strumenti per il loro lavoro. Ma c’è un’altra strada: passare a una piattaforma workstation, consentendo così ai dipendenti di avvalersi della tecnologia per sfruttare al meglio le loro capacità.

Investire nel futuro

Hai speso parecchio denaro per formare i tuoi tecnici e progettisti. Non hai preso scorciatoie assumendo i migliori talenti e non puoi permetterti di risparmiare sulle spese in conto capitale.

Per rendere al meglio, i professionisti hanno bisogno del miglior kit di strumenti possibile. Le licenze software professionali devono essere eseguite su hardware di alto livello. Secondo uno studio condotto da Dunn and Bradstreet, un singolo progettista costretto a 1,6 ore di inattività alla settimana costa all’azienda 10.000 dollari l’anno.

CIn definitiva, l’acquisto di hardware (come qualsiasi altra risorsa patrimoniale) è redditizio in relazione al ritorno sul capitale investito (ROI) complessivo. Le workstation garantiscono ottimi risultati da due punti di vista essenziali. Innanzitutto, le loro prestazioni sono superiori a quelle dei PC tradizionali, per cui i dipendenti sono più produttivi nei momenti cruciali.

In secondo luogo, dato l’alto livello qualitativo delle workstation è probabile che l’investimento consenta di supportare progetti di qualità elevata molto più a lungo rispetto a un PC. Elaborazione e grafica potenti, sommate a un’elevata affidabilità, fanno sì che l’hardware delle workstation abbia un costo totale di proprietà molto più basso.

L’aspetto migliore è che i prezzi delle workstation di fascia alta sono ormai simili a quelli dei computer desktop tradizionali, che offrono prestazioni nettamente inferiori. Se a questo si aggiungono le funzioni per la produttività, come quelle legate alla grafica, all’elaborazione e all’ottimizzazione, è facile capire perché le workstation offrono un ROI nettamente migliore rispetto ai PC desktop tradizionali.

Concentrarsi sui vantaggi per la produttività offerti da una workstation

La grafica professionale richiede computer ad alte prestazioni, che offrano funzionalità molto più potenti di quelle dei PC desktop di fascia consumer. I principali produttori forniranno schede grafiche eccellenti. È buona regola cercare una scheda che fornisca più di 30 frame al secondo nelle applicazioni principali.

La potenza di elaborazione conta eccome. Le workstation Dell Precision, ad esempio, supportano un’ampia gamma di processori, compresi gli Intel Core di sesta generazione e gli Intel Xeon, con tecnologia Intel Turbo Boost. Combinando la potenza di elaborazione con Reliable Memory Technology Pro, un’esclusiva Dell, le aziende potranno intervenire rapidamente in caso di errori di memoria.

Non ha senso spendere tempo e denaro per aggiornare la tecnologia se all’investimento non corrisponde un’attenta e oculata scelta del fornitore. I partner più validi sono consigliati dai fornitori di software indipendenti (ISV). La certificazione ISV garantisce che le combinazioni di hardware e software rispettino i principali criteri in materia di prestazioni e affidabilità.

Infine, per i migliori fornitori l’eccellenza operativa rappresenta un obiettivo costante. Uno strumento specialistico, ad esempio Dell Precision Optimizer, può aiutare la tua azienda a ottimizzare le prestazioni in alcune aree chiave quali CPU, grafica e sistemi operativi. Lo strumento regola automaticamente le configurazioni di sistema per le applicazioni più importanti, fornendo prestazioni software potenziate fino al 121%.

 

 

Mark Samuels

Mark Samuels

Mark Samuels è un giornalista specializzato in leadership e gestione delle problematiche legate all’IT. Precedentemente editore presso CIO Connect nella categoria Computing, ha scritto per diverse organizzazioni tra cui l’Economist Intelligence Unit, il Guardian Government Computing and il Times Higher Education. Mark collabora anche con ClourPro, ZDNetUK, TechRepublic, ITPro, Computer Weekly, CBR, Financial Director, Accountancy Age, Educause, Inform e CIONET. Mark ha una vasta esperienza per quanto riguarda la tematica di come i CIO usano e adottano la tecnologia nelle aziende.

Ultimi post:

 

Tag: CAD, Grafica e Design, Produttività, Tecnologia