Home » Soluzioni mobili » Vale la pena di aggiornare a Windows 10 il sistema operativo aziendale?

Vale la pena di aggiornare a Windows 10 il sistema operativo aziendale?

Tech Page One

businessman walking on gears

 

È opinione diffusa che non sia il caso di affrettarsi ad aggiornare il sistema operativo non appena è disponibile una nuova versione: meglio lasciare ai più spericolati l’onere di scovarne i bug e aspettare che vengano risolti. Tuttavia, Microsoft Windows 10 potrebbe rendere superflua questa misura di prudenza.

Funzionalità di Windows 10

400 x 300Partendo dalle funzionalità, Windows 10 aumenterà l’efficienza sul lavoro grazie all’interfaccia unificata dei dispositivi su cui viene eseguito. La forza di questa affermazione è in qualche modo sminuita dal fatto che – stando ai dati di IDC – la quota di mercato di Windows nel mercato dei tablet è solo dell’8,4% e in quello degli smartphone raggiunge appena il 2,7%. Eppure Microsoft ripone grandi speranze nel suo nuovo sistema operativo, e ci sono valide ragioni per adottarlo.

Windows 10 include Microsoft Edge, che sostituisce completamente Internet Explorer. Per i desktop aziendali che ancora eseguono versioni di IE superate e poco sicure, questo potrebbe essere già un ottimo motivo per effettuare l’aggiornamento.

Windows 8.x non ha incontrato il favore degli utenti perché Microsoft non ha saputo trovare una sintesi felice tra vecchio e nuovo, e ha ritenuto valida la nuova interfaccia Metro anche per i PC veri e propri, che sono ancora i computer più utilizzati. È probabile che la maggior parte degli utenti apprezzerà il fatto che Windows 10 sostituisca il duopolio di interfacce disallineate rappresentato da Windows 8.x.

Presumibilmente, anche gli utenti di Windows 7 apprezzeranno l’upgrade a Windows 10, che offre una serie di miglioramenti all’interfaccia, tra cui desktop multipli facilmente accessibili mediante tasti di scelta rapida, una maggiore semplicità di utilizzo, informazioni migliorate sugli aggiornamenti, e in più Cortana, che con il suo sistema di riconoscimento vocale consente agli utenti di porre qualsiasi domanda, oltre a fornire un servizio di news personalizzabile con un semplice clic sulla barra delle applicazioni.

Windows 10 come servizio

La differenza più importante tra la nuova versione del sistema operativo e i suoi predecessori sono le modalità con cui viene fornito, che potrebbero anche dimostrarsi la sua caratteristica più attraente. Microsoft ha dichiarato che Windows 10 sarà l’ultimo sistema operativo che produrrà, e che aggiornamenti e service pack diventeranno un ricordo del passato. Verranno invece fornite periodicamente nuove funzionalità (oltre naturalmente ad aggiornamenti di sicurezza), che gli utenti dotati di licenze enterprise potranno scegliere di installare quando vorranno. Microsoft sta quindi fornendo il proprio sistema operativo desktop come un servizio.

Col tempo seguiranno naturalmente strumenti per gestire e bloccare le nuove funzionalità del sistema operativo, oltre alle correzioni dei bug. I requisiti hardware di Windows 10 potrebbero essere al di sopra delle possibilità dei desktop più datati, e potrebbero verificarsi problemi di compatibilità sia con l’hardware che con le applicazioni, costosi in entrambi i casi.

D’altro canto, Windows 10 offre convincenti funzionalità di classe enterprise, ad esempio miglioramenti per sicurezza e gestione. Microsoft sta facilitando l’adozione dell’autenticazione biometrica e multifattoriale, fornendo un modo semplice per passare dalle password a metodi di autenticazione più sicuri. Tecnologie come Avvio protetto e Controllo dispositivo aiutano a proteggere i dati dall’avvio allo spegnimento.

È inoltre possibile sfruttare funzioni di directory locali o basate sul cloud, come il servizio Active Directory di Microsoft Azure. I dispositivi mobili personali e aziendali potranno essere gestiti automaticamente, grazie ad Azure AD, e sono disponibili funzionalità per la conformità ai criteri di protezione dei dati aziendali, la configurazione di VPN l’eliminazione completa dei dati presenti nei dispositivi.

Analisti e commentatori sono complessivamente ottimisti sulle prospettive di Windows 10 in ambito aziendale, molto più di quanto non lo fossero per Windows 8.x. In sintesi, i miglioramenti alla sicurezza e alla gestione dei dispositivi, Microsoft Edge, Azure e la protezione dei dati aziendali forniscono grandi opportunità per migliorare l’agilità e l’efficienza, e dovrebbero garantire una buona accoglienza a Windows 10. Conviene iniziare al più presto a pianificare l’aggiornamento.

 

 

Manek Dubash

Manek Dubash

Manek Dubash è un analista e giornalista tech con oltre 30 anni di esperienza. É appassionato di tecnologia aziendale, e con gli anni ha osservato diversi problemi a livello di infrastruttura per quanto riguarda importanti siti web di industrie affermate. Il suo lavoro è stato citato piú volte su giornali nazionali e su riviste tech specializzate. Inoltre, ha ottenuto ruoli importanti in diverse riviste tra cui PC magazine, ed in aziende di analisi e ricerca come Datamonitor e STL partners.

Ultimi post:

 

Tag: Soluzioni mobili, Tecnologia