Home » Tecnologia » CAD, Grafica e Design » L’opinione dell’esperto: l’assetto tecnologico per gli artisti del 3D

L’opinione dell’esperto: l’assetto tecnologico per gli artisti del 3D

Tech Page One

Main Article Image

 

Gli odierni professionisti della progettazione 3D hanno bisogno di ambienti di elaborazione dai requisiti elevatissimi, in grado di supportare le loro esigenze. Oltre alla potenza di elaborazione, alla capacità di archiviazione e alla funzionalità generale dei dispositivi, ai progettisti occorre un livello intrinseco di integrazione esteso a tutto il sistema, che garantisca interconnessione, compatibilità e operazioni senza soluzione di continuità.

Oggi i professionisti del 3D hanno bisogno di workstation capaci di supportare scultura digitale sofisticata, modellazione poligonale e rendering grafico. Per assicurare l’esecuzione rapida di tali funzioni – spesso in stretta prossimità e in successione – i computer desktop dotati di componenti attentamente realizzati (e spesso personalizzati) devono fornire l’ambiente ottimale per questa attività altamente impegnativa.

L’importanza della velocità

La potenza della CPU (Central Processing Unit), che è il cuore pulsante del computer, riveste un’importanza fondamentale per i professionisti della progettazione 3D. Un ambiente di lavoro come il loro richiede hardware specificamente messo a punto e ottimizzato per essere adatto alle attività di elaborazione proprie della pipeline 3D.

Body Text ImageA incrementare la potenza della CPU con una GPU (Graphical Processing Unit) e un acceleratore grafico concorre anche la qualità della RAM, che contribuisce a creare una macchina adeguata a sostenere quel tipo di attività.

La produttività dei computer per la progettazione 3D si incrementa al massimo se la loro architettura è stata specificamente regolata in base al lavoro da svolgere, pensando alla modellazione e al rendering grafico 3D: ad esempio un lavoro basato su grafica o animazione può essere composto da risorse estremamente frammentate, per cui il computer deve cercare i dati molto rapidamente in diversi sistemi.

L’unico metodo infallibile per ottenere risultati efficienti in un lasso di tempo accettabile consiste nell’utilizzare software intelligente eseguito su hardware ad alte prestazioni.

Se per molti utenti uno schermo HD 1920×1080 sarebbe il massimo, i progettisti 3D iniziano a chiedere schermi UHD 4K con risoluzione di 3840×2160 pixel. In ultima analisi, saranno le tecnologie del livello di presentazione ad aiutare i progettisti a svolgere un lavoro di precisione sui dettagli e, di conseguenza, la stessa precisione sarà mantenuta fino al progetto finale e alla fabbricazione del prodotto fisico.

Anche alcune funzioni di Windows 10 – dai comandi vocali al riconoscimento vocale di Cortana, fino al supporto del multi-touch – incideranno positivamente sulle modalità di svolgimento dei flussi di lavoro. Secondo il progettista Paul Champion, “Windows 10 fornisce un altro livello di produttività [al mio lavoro] grazie al supporto nativo di Thunderbolt 3. Con velocità di trasferimento di 40 GB/s, chiunque debba trasferire grandi volumi di dati o filmati, come gli animatori o i compositori, constaterà di persona i vantaggi di una velocità più elevata”.

I modelli fotorealistici e il futuro

Come abbiamo visto in passato su Tech Page One, è possibile utilizzare le workstation di fascia alta per creare coinvolgenti esperienze di modellazione 3D destinate ai clienti. I progettisti possono anche abbinare i server Web alle workstation basate su rack e iniziare a presentare modelli fotorealistici visualizzabili online, in modo da permettere ai clienti di interagire con i prodotti.

Poiché l’imaging e la progettazione 3D iniziano a uscire dai reparti tecnici delle aziende per inserirsi nelle attività del marketing e di altre funzioni, le capacità di questi sistemi diventeranno sempre più importanti.

Per maggiori informazioni sulle soluzioni creative di Dell, clicca qui.

 

Adrian Bridgwater

Adrian Bridgwater

Adrian è un giornalista esparto di tecnologia con oltre due decenni di esperienza nel settore. Agli esordi, ha iniziato a lavorare come news analyst per lo sviluppo di un software, e ad oggi si definisce evangelista tech e consulente per i contenuti. Ha speso quasi dieci anni concentrandosi su open source, analisi di dati e intelligence, soluzioni cloud, dispositivi mobili e gestione dati.

Ultimi post:

 

Tag: CAD, Grafica e Design, Tecnologia