Home » Software » Come preparare il conto alla rovescia per Windows 7/8

Come preparare il conto alla rovescia per Windows 7/8

Tech Page One

Main Article Image

 

Tutte le cose belle finiscono. Microsoft Windows 7 è ancora un sistema operativo immensamente popolare. Ma il tempo passa, e in un futuro non troppo lontano il colosso IT di Redmond cesserà il supporto di questa piattaforma come ha fatto per gli altri sistemi, ad esempio per Windows XP.

Tutti i prodotti Microsoft hanno un ciclo di vita e i responsabili IT devono sapere quando il supporto di un sistema sta per essere interrotto. Sorvolare su queste scadenze può avere conseguenze gravi, come vedremo più avanti.

Cosa accadrà quando il tempo sarà scaduto e il sistema operativo della tua azienda non sarà più supportato? In questo articolo esaminiamo i problemi che le aziende dovranno affrontare e quanto ci vorrà perché le altre versioni di Windows attualmente supportate subiscano lo stesso destino.

Perché i sistemi operativi non durano per sempre?

Body Text ImageIl ciclo di vita di un prodotto inizia con il suo rilascio e si conclude quando la tecnologia non è più supportata. Può sembrare strano che un’azienda smetta di supportare un proprio prodotto, ma non farlo comporterebbe costi proibitivi.

A mano a mano che Microsoft aggiorna e quindi rilascia nuove versioni del suo sistema operativo Windows, le versioni più vecchie vengono depennate dall’elenco dei prodotti supportati. Microsoft ha lanciato Windows 10, l’ultima versione del suo sistema operativo, a luglio 2015. La nuova piattaforma offre una serie di vantaggi, tra cui un’interfaccia utente riveduta e aggiornamenti forniti come servizio.

Molti utenti sono ansiosi di usufruire di queste nuove funzionalità e molti responsabili IT stanno aiutando le aziende a passare a Windows 10. Ma non tutti i CIO si stanno attivando così tempestivamente. Per i ritardatari si profilano all’orizzonte diverse date importanti.

Tra quanto tempo cesserà il supporto delle attuali versioni di Windows?

Il supporto di Windows Vista cesserà all’inizio di aprile. Rispetto a XP, che l’ha preceduto, e a Windows 7, ad esso successivo, Vista non ha avuto grande successo. Ciò nonostante, ha ancora una base installata e non è raro trovarlo in esecuzione sui PC delle aziende.

Molto più preoccupante per la maggior parte dei responsabili IT sarà il momento in cui cesserà il supporto di Windows 7 e 8. Microsoft ha già indicato le date in cui interromperà il supporto dei due sistemi operativi: gennaio 2020 per Windows 7 e gennaio 2023 per Windows 8.

Le statistiche rivelano che fin troppe aziende usano rimandare all’ultimo momento la transizione a un nuovo sistema operativo. Così facendo rischiano di utilizzare tecnologie sul punto da diventare obsolete e inoltre rinunciano a usufruire rapidamente dei nuovi strumenti disponibili.

Cosa accadrà quando i sistemi operativi della tua azienda non saranno più supportati?

Le ricerche indicano che molti CIO sono ancora alle prese con versioni di Windows XP, non più supportato, senza aver mai installato un sistema operativo più recente, che sia Windows 7, 8 o 10. Secondo NetMarketShare, Windows XP rappresenta tuttora circa il 9% dei sistemi operativi desktop installati in tutto il mondo.

Quando il supporto termina, per il sistema operativo non sono più disponibili né aggiornamenti né patch e le preziose informazioni aziendali si trovano a rischio. L’azienda non riceve più gli aggiornamenti della protezione che difendono i PC da virus, spyware e altro software dannoso.

Attualmente la maggior parte dei desktop utilizza Windows 7 (43,3%), mentre Windows 10 è installato su quasi un quarto dei computer (24,3%). Intanto il tempo scorre, chi è ancora fermo a un vecchio sistema operativo dovrebbe iniziare a pensare di sostituire Windows 7 o 8 con Windows 10.

Clicca qui per visualizzare la scheda sul ciclo di vita di Windows e scoprire quando è opportuno aggiornare o modificare il software.

 


 

Fonti

Quote di mercato dei sistemi operativi: https://www.netmarketshare.com/operating-system-market-share.aspx?qprid=10&qpcustomd=0

 

Mark Samuels

Mark Samuels

Mark Samuels è un giornalista specializzato in leadership e gestione delle problematiche legate all’IT. Precedentemente editore presso CIO Connect nella categoria Computing, ha scritto per diverse organizzazioni tra cui l’Economist Intelligence Unit, il Guardian Government Computing and il Times Higher Education. Mark collabora anche con ClourPro, ZDNetUK, TechRepublic, ITPro, Computer Weekly, CBR, Financial Director, Accountancy Age, Educause, Inform e CIONET. Mark ha una vasta esperienza per quanto riguarda la tematica di come i CIO usano e adottano la tecnologia nelle aziende.

Ultimi post:

 

Tag: Software, Tecnologia