Home » Data Center » 5 elementi imprescindibili per un’infrastruttura altamente gestibile

5 elementi imprescindibili per un’infrastruttura altamente gestibile

Tech Page One

iStock_000059274042_Medium (1)

 

Un’infrastruttura altamente gestibile – che si avvalga di convergenza, virtualizzazione e tecnologie di data center all’avanguardia – è alla base di un ottimo servizio IT interno. Per creare un’infrastruttura gestibile, i moderni leader tecnologici devono focalizzarsi su cinque elementi imprescindibili.

1. Automazione

Business lady is looking for new business ideas. Blue growing arrow as a concept of successful business. Business icons are drawn on the concrete wall.La richiesta di servizi di front-end innovativi da parte di clienti e utenti finali impone ai CIO di rivolgere l’attenzione verso la trasformazione digitale. Ma c’è un ostacolo rilevante: l’IT di back-end.

Da una ricerca di InformationWeek emerge che il 70% dei leader IT ritiene che focalizzarsi sulle operazioni giornaliere sia d’ostacolo all’innovazione. Dovendo gestire provisioning, installazioni e aggiornamenti, i CIO non riescono a concentrarsi sulle pressanti esigenze di innovazione dell’azienda.

Una piattaforma server di nuova generazione, con funzionalità di automazione integrate, può aiutarli a risolvere il problema. Secondo Dell, utilizzando questi strumenti i CIO possono installare migliaia di server in pochi secondi e ridurre del 99% i tempi di configurazione.

2. Semplificazione

La configurazione dell’hardware non è l’unica preoccupazione per il personale di IT, sempre a corto di tempo. Secondo un’analisi di Gartner, supportare gli utenti finali nell’era digitale è un problema sempre più complesso per i lavoratori del settore tecnologico. I CIO devono semplificare il supporto dell’infrastruttura.

La soluzione sarà un’interfaccia di gestione avanzata e intuitiva. Invece di una serie di strumenti separati, il personale IT potrà usare l’interfaccia per aggiungere sistemi rapidamente e senza dover effettuare lunghe modifiche.

L’interfaccia scelta dovrà essere estesa anche alle piattaforme mobili. Il personale di supporto, proprio come gli altri lavoratori, sarà avvantaggiato dalla possibilità di utilizzare smartphone e tablet per monitorare server e reti. Grazie a questa flessibilità, il personale IT potrà essere operativo ovunque si trovi.

3. Ottimizzazione

Una volta installata e avviata l’infrastruttura, occorrerà ottimizzare l’esecuzione della tecnologia. L’operazione è vantaggiosa anche dal punto di vista economico, perché un’infrastruttura altamente gestibile garantisce la massima efficienza energetica. Sarà opportuno scegliere un’architettura convergente che riunisca elaborazione, storage e connettività in componenti configurabili.

Le migliori piattaforme di nuova generazione includono strumenti di gestione ottimizzati per un consumo energetico ridotto. Inoltre, la piattaforma server dovrebbe essere progettata in modo da ridurre le spese di raffreddamento, ad esempio con configurazioni ad aria fresca in grado di supportare i data center in diverse condizioni climatiche.

4. Flessibilità

I moderni reparti IT devono essere agili. Gli addetti alle tecnologie devono fornire una piattaforma scalabile su cui sia facile integrare nuovo software. I CIO devono scegliere un partner che sia in grado di portare a nuovi livelli la flessibilità di gestione.

La piattaforma scelta dovrà consentire di aggiungere nuovo hardware – server rack o blade – alle infrastrutture esistenti senza modificare i processi. Una tale flessibilità semplifica la formazione e aiuta a ridurre il tempo dedicato alla gestione delle risorse.

5. Affidabilità

Un’infrastruttura affidabile abbassa il costo totale di proprietà. Invece di spendere tempo e denaro per le riparazioni, conviene adottare un approccio affidabile, con hardware resiliente, ridondanza e possibilità di ripristino.

La scelta dovrebbe ricadere su prodotti con flusso d’aria ottimizzato e memoria con tolleranza di errore. I migliori fornitori offriranno anche notifiche di pre-guasto, consentendo ai team di IT di effettuare interventi di manutenzione preventiva. La ridondanza dovrebbe essere estesa anche al livello dei componenti, ad esempio mediante virtualizzazione failsafe e schede a stato solido (SSD) con hypervisor ridondanti.

Anche in uno scenario “worst-case”, l’azienda dovrà poter tornare operativa nel minor tempo possibile. Un’infrastruttura altamente gestibile consente al personale di aprire rapidamente i componenti hardware per le procedure di diagnostica. Per un supporto di livello superiore, occorrerà un fornitore che offra servizi innovativi, come la sostituzione automatizzata dei componenti.

Sei Future Ready? Scopri l’attuale grado di Maturità della tua azienda in relazione alla concorrenza con questo sondaggio

 


 

Fonti:

Gartner sull’evoluzione del supporto (in inglese)

 

 

Mark Samuels

Mark Samuels

Mark Samuels è un giornalista specializzato in leadership e gestione delle problematiche legate all’IT. Precedentemente editore presso CIO Connect nella categoria Computing, ha scritto per diverse organizzazioni tra cui l’Economist Intelligence Unit, il Guardian Government Computing and il Times Higher Education. Mark collabora anche con ClourPro, ZDNetUK, TechRepublic, ITPro, Computer Weekly, CBR, Financial Director, Accountancy Age, Educause, Inform e CIONET. Mark ha una vasta esperienza per quanto riguarda la tematica di come i CIO usano e adottano la tecnologia nelle aziende.

Ultimi post:

 

Tag: Data Center, Struttura convergente, Tecnologia