Home » Produttività » Workstation e visualizzazione aziendale: l’IT della tua azienda è al tramonto?

Workstation e visualizzazione aziendale: l’IT della tua azienda è al tramonto?

Tech Page One

Workstation e visualizzazione aziendale: l'IT della tua azienda è al tramonto?

 

Immagina di avere grandi idee ma di non avere l’opportunità di concretizzarle. Da grande progettista, ti sentiresti frustrato e demoralizzato, eppure molte aziende continuano a perdere vantaggi competitivi ogni giorno.

Per ottimizzare la produttività dei professionisti creativi nell’era digitale, le aziende deve fornire ai propri dipendenti strumenti informatici che li aiutino a visualizzare le loro idee innovative. La soluzione è una workstation superpotente, che garantisce più produttività e affidabilità rispetto a un normale PC.

La tecnologia giusta per eseguire gli strumenti software professionali

Abstract background in a concept of optical fiber. Clipping path included.Le workstation sono progettate e costruite per le aziende che devono ottenere le massime prestazioni dalle applicazioni mission-critical. Laddove un PC tradizionale non può stare al passo con le esigenze aziendali, le workstation – dotate di processori multicore, funzionalità grafiche avanzate e componenti di classe enterprise – possono incrementare notevolmente la produttività.

Un modo per valutare i requisiti della propria azienda è analizzare il software utilizzato dai professionisti che vi lavorano. Per le applicazioni che richiedono una grande potenza di elaborazione, come AutoCAD, SOLIDWORKS o Adobe Creative Cloud, occorrerà un computer con prestazioni molto più elevate di un PC.

Le workstation sono una soluzione ideale per questo tipo di applicazioni, ed eliminano i problemi di prestazioni. Il passaggio dai PC alle workstation garantirà ai professionisti aziendali i massimi livelli di affidabilità, mobilità e produttività.

Per garantire loro anche la migliore assistenza possibile, è opportuno scegliere un fornitore il cui hardware sia certificato dai provider di software. Inoltre, tutti i componenti devono essere della massima qualità – come i processori Intel XEON ad ampiezza di banda elevata e le schede grafiche professionali AMD e Nvidia – per consentire ai progettisti di sfruttare al meglio le applicazioni professionali.

La workstation giusta per ogni settore

Come puoi sapere se le prestazioni superiori della tecnologia workstation saranno vantaggiose per i professionisti della tua azienda? Forse è utile fare qualche esempio di come il potere della visualizzazione possa migliorare la produttività.

Gli esperti di ingegneria e produzione, ad esempio, utilizzano le workstation per creare modelli reattivi. Grazie a questa potente tecnologia, possono creare più interazioni di progetto in meno tempo, ottenendo simulazioni più veloci e processi produttivi sempre più accurati.

Gli scienziati, invece, utilizzano la potenza di elaborazione delle workstation per analizzare set di dati di grandi dimensioni. Unendo l’analisi alle funzionalità di visualizzazione altamente dettagliate, sono in grado di creare simulazioni e modelli più precisi. In settori delicati come le sperimentazioni in campo sanitario, i risultati possono fare la differenza fra la vita e la morte.

Analogamente, i professionisti del settore economico e finanziario utilizzano le workstation per eseguire simulazioni complesse in aree chiave come il trading algoritmico. Nel campo dei media e dell’intrattenimento le workstation consentono infine di creare video di straordinario impatto ottimizzando tempi e costi, come ha fatto ad esempio Tippett Studio, produttore dei film della saga di Twilight.

Conclusioni: un nuovo orizzonte

Le aziende che eseguono applicazioni professionali che richiedono visualizzazioni potenti dovranno investire in workstation ad alte prestazioni. Il passaggio dai PC alle workstation renderà il personale più produttivo e potrebbe generare un orizzonte completamente nuovo di vantaggi competitivi per l’azienda.

 

 

Mark Samuels

Mark Samuels

Mark Samuels è un giornalista specializzato in leadership e gestione delle problematiche legate all’IT. Precedentemente editore presso CIO Connect nella categoria Computing, ha scritto per diverse organizzazioni tra cui l’Economist Intelligence Unit, il Guardian Government Computing and il Times Higher Education. Mark collabora anche con ClourPro, ZDNetUK, TechRepublic, ITPro, Computer Weekly, CBR, Financial Director, Accountancy Age, Educause, Inform e CIONET. Mark ha una vasta esperienza per quanto riguarda la tematica di come i CIO usano e adottano la tecnologia nelle aziende.

Ultimi post:

 

Tag: Produttività