Home » Future Ready Enterprise » 5 tendenze nelle infrastrutture IT che avranno un impatto sulla tua attività

5 tendenze nelle infrastrutture IT che avranno un impatto sulla tua attività

Tech Page One

Main Article Image (1)

 

Non sono ammesse scorciatoie nella trasformazione digitale. Se un’azienda desidera trarre vantaggi dagli effetti dirompenti del digitale, deve prima assicurarsi di possedere un’infrastruttura IT che supporti cambiamenti duraturi.

I decisori aziendali che intendono trarre vantaggi dall’innovazione digitale devono creare una base agile e flessibile per affrontare i cambiamenti nel contesto del panorama IT imprenditoriale di oggi, in continua evoluzione. Di seguito elencheremo le cinque tendenze da seguire nella creazione di un’infrastruttura IT orientata al futuro.

1. Gli hardware ruotano intorno ai software

La trasformazione digitale trova le applicazioni in prima fila. Le aziende utilizzano i software per aumentare la produttività interna e migliorare il servizio clienti offerto. Tuttavia, le applicazioni di nuova generazione necessitano di hardware di alta qualità. Le infrastrutture definite dal software introducono l’automazione nelle risorse hardware, permettendo alle aziende di ottimizzare la propria attività e tagliare i costi.

Secondo IDC, dato il loro tasso di crescita del 15% annuale, entro il 2020 le infrastrutture definite dal software diventeranno il componente dell’infrastruttura del data center dalla più rapida espansione. Lo affermano anche gli analisti di Gartner, secondo i quali il data center definito dal software ricopre un ruolo fondamentale nell’evoluzione di aziende digitali agili.

2. Il sistema di approvvigionamento deve supportare il passaggio al cloud

Body Text Image (1)L’infrastruttura definita dal software è la colonna portante di nuovi servizi on demand. Il cloud sta diventando un elemento cruciale nelle strategie di infrastruttura organizzativa. Nonostante le imprese abbiano iniziato a utilizzare il cloud per realizzare progetti di prova e sviluppo, faranno un uso sempre più crescente di operazioni IT on demand, sistemi di produzione inclusi.

IDC sostiene che un quarto degli hardware delle infrastrutture IT verrà venduto in ambienti di cloud pubblico entro il 2018. La società di ricerca e analisi afferma che la spesa globale per servizi di cloud pubblico arriverà a 195 miliardi di USD entro il 2020; si tratta di un aumento significativo rispetto ai quasi 70 miliardi di USD del 2015. I decisori aziendali si trovano a dover cercare nuovi modi per canalizzare i suddetti investimenti sia in risorse su cloud, sia in quelle presenti nelle loro sedi operative.

3. L’iperconvergenza è la sola strada percorribile per avere successo

L’espansione dell’iperconvergenza trova il terreno fertile ideale nell’esigenza di consolidare le risorse. La rapida diffusione del computing basato su cloud, il maggior desiderio di semplificazione e l’espansione dell’ecosistema dei fornitori portano i decisori aziendali a dover trovare un modo per sfruttare al massimo risorse infrastrutturali eterogenee. L’iperconvergenza indica la strada verso il successo.

Le apparecchiature iperconvergenti offrono capacità integrate di elaborazione, archiviazione e rete. Un unico partner fornisce all’azienda l’intero stack iperconvergente. Si tratta di un approccio che fornisce alle imprese un ottimo modo per semplificare e consolidare le risorse infrastrutturali nell’era digitale. Secondo IDC, in Europa la spesa per sistemi iperconvergenti raggiungerà i 540 milioni di USD entro il 2017.

4. I Big Data sono destinati a diventare sempre più importanti

Un’azienda determinata a mettere in atto cambiamenti significativi adotterà due o più elementi fondamentali della trasformazione digitale. Cloud, social e mobilità sono punti chiave di questa metamorfosi. Tuttavia, ad avere l’impatto più significativo sulle spese hardware future potrebbe essere l’ultimo pilastro fondamentale del processo: i Big Data e gli strumenti di analisi.

Per prendere decisioni consapevoli e informate, i dirigenti devono avere a propria disposizione le informazioni giuste al momento giusto. Un desiderio di possedere conoscenze così elevato porta IDC a sostenere che Big Data e strumenti di analisi rappresenteranno il 17% delle spese per server e spazi di archiviazione nei data center europei entro il 2018. Si tratta di una spesa intrapresa da organizzazioni che utilizzano strumenti open source, quali Hadoop e Spark di Apache.

5. Nuove risorse di archiviazione veloci come un lampo

Alla base della vera trasformazione digitale troviamo hardware affidabili e veloci. I fornitori leader promuovono l’innovazione nel design per migliorare le prestazioni di archiviazione. Tali sviluppi nella tecnologia Flash stanno aiutando le imprese a elaborare rapidamente le moli di lavoro fondamentali per la loro attività, riducendo contemporaneamente i periodi di inattività e i costi totali di proprietà.

La tecnologia Flash è destinata a diffondersi a macchia d’olio; IDC, infatti, sostiene che gli sviluppi in questo meccanismo di archiviazione continueranno a essere impiegati nelle imprese. Flash è talmente potente che l’80% dei nuovi array di archiviazione utilizzati sarà basato su questa tecnologia. Collabora con un fornitore in grado di soddisfare le esigenze della tua impresa.

Fai clic qui per ulteriori informazioni su come poter promuovere i risultati aziendali in preparazione alle sfide di domani (in inglese).

 


 

Fonti:

Gartner sui data center definiti dal software (SDDC): http://www.gartner.com/newsroom/id/3136417

Ricerca sul cloud di IDC: http://www.totaltele.com/view.aspx?ID=494672

Informazioni su Hadoop e Spark di Apache: http://www.zdnet.com/article/the-cloud-and-new-big-data-sources/

 

Mark Samuels

Mark Samuels

Mark Samuels è un giornalista specializzato in leadership e gestione delle problematiche legate all’IT. Precedentemente editore presso CIO Connect nella categoria Computing, ha scritto per diverse organizzazioni tra cui l’Economist Intelligence Unit, il Guardian Government Computing and il Times Higher Education. Mark collabora anche con ClourPro, ZDNetUK, TechRepublic, ITPro, Computer Weekly, CBR, Financial Director, Accountancy Age, Educause, Inform e CIONET. Mark ha una vasta esperienza per quanto riguarda la tematica di come i CIO usano e adottano la tecnologia nelle aziende.

Ultimi post:

 

Tag: Future Ready Enterprise