Home » Cloud Computing » Cinque tendenze rilevanti per l’integrazione dei dati sul cloud nel 2016

Cinque tendenze rilevanti per l’integrazione dei dati sul cloud nel 2016

Tech Page One

Cinque tendenze rilevanti per l'integrazione dei dati sul cloud nel 2016

 

Cosa riserva il futuro per l’integrazione nel cloud?

Il cloud computing ha catturato l’immaginazione di esperti di marketing e organizzatori di conferenze, ma nel mondo reale i CIO considerano il passaggio completo al cloud con più circospezione. Ci sono diverse questioni da dirimere: la sicurezza è spesso ritenuta il problema principale, ma forse è ancora più importante capire come integrare le applicazioni di dati legacy in un ambiente cloud.

Non è un’operazione facile. Le aziende hanno creato nel corso degli anni i processi su cui si basano il funzionamento e la gestione di tutti i loro sistemi. Inserendo il cloud nell’equazione, il CIO rischia di far saltare quel delicato equilibrio: c’è una nuova serie di procedure da mettere in atto, ma l’assetto precedente non può essere distrutto.

Nel corso del prossimo anno vedremo emergere diverse tendenze in quest’ambito. Alcune di queste sono già diffuse, altre si stanno appena affacciando, ma tutte faranno parte del futuro.

iPaaS

Cinque tendenze rilevanti per l'integrazione dei dati sul cloud nel 2016Questi numerosi processi richiederanno certamente una gestione sofisticata. Un possibile modo di procedere è affidarsi a fornitori di piattaforme di integrazione come servizio (iPaaS, integration Platform as a Service) come Boomi di Dell, che offre integrazione delle applicazioni sul cloud mediante software drag-and-drop e che consente ai CIO di gestire e monitorare centralmente le prestazioni delle applicazioni.

L’ascesa dei big data

Le aziende vogliono sempre più informazioni sui propri clienti. Il problema è che questi dati possono essere attinti da una serie di risorse sempre più ampia, da database strutturati o da altre fonti, compresi i social media. L’azienda moderna deve riuscire a raggruppare queste risorse in un unico insieme coerente. È proprio la sfida dei big data. Per ottenere questo risultato, le aziende si affideranno sempre di più al cloud, ma non è un’operazione semplice.

L’ascesa dei “contenitori”

Una delle novità di spicco dell’anno passato è stato l’emergere dei servizi contenitori come Docker. Sono simili alle macchine virtuali, ma consentono alle applicazioni di condividere il kernel di un sistema operativo e una CPU e accelerano la distribuzione all’interno del livello di integrazione di un’organizzazione. Sebbene i contenitori siano stati criticati in alcuni ambiti per le vulnerabilità della sicurezza, possiamo comunque aspettarci di vederne installati molti di più nell’anno a venire.

ERP legacy

Il cloud influirà anche sulle modalità di gestione dei sistemi ERP. Secondo un rapporto di Gartner (in inglese), entro il 2016 le implementazioni ERP personalizzate risulteranno ridondanti e meno agili delle loro concorrenti basate sul cloud. L’anno prossimo un maggior numero di aziende si affiderà a quello che Gartner definisce “ERP post-moderno”, nel tentativo di affrontare in maniera più efficace le nuove esigenze.

L’avvento dei broker

Una caratteristica delle aziende moderne è che tendono a rivolgersi a più fornitori cloud, ciascuno dei quali provvede a uno specifico componente dell’infrastruttura aziendale. Si può trattare di fornitori di IaaS o di vendor che offrono soluzioni SaaS, senza precludere l’utilizzo di software in loco. Gestire più fornitori può però rivelarsi un incubo logistico, per cui è prevedibile che nel prossimo futuro le aziende ricorreranno sempre più spesso ai broker di cloud, che forniranno le competenze necessarie.

 

 

Maxwell Cooter

Maxwell Cooter

Max è un giornalista freelance che copre una varietà di materie relazionate con l’IT. È stato il fondatore di Cloud Pro, una delle prime guide sul mondo cloud. Successivamente ha fondato anche IDG’s techworld ed ha lavorato come editore per Network Week. Da freelancer, ha potuto collaborare con IDG Direct, SC Magazine, Computer Weekly, Computer Resellers News, Internet Magazine, PC Business World e molti altri. Ha anche avuto l’opportunità di partecipare a diverse conferenze ed è stato telecronista per BBC, ITN e Computer TV Channel CNBC.

Ultimi post:

 

Tag: Cloud Computing